Autostima: in che modo lo stato d'animo ci influenza?

Tutto ciò che noi siamo e che sperimentiamo è il risultato di ciò in cui crediamo. L'uomo è ciò che crede di essere e vive la sua vita trainato dall'insieme delle sue credenze e convinzionsu se stesso. La mente gioca un ruolo primario, ci rende tristi o felici, poveri o ricchi, sani o malati. Vi è mai capitato di sentirvi e quindi di fare l'esperienza di essere lanciatissimi?Vi è mai capitato di sperimentare un periodo della vostra vita in cui avevate la netta sensazione che tutto andasse per il meglio? Di qualunque situazione si trattasse, che riguardasse il lavoro, lo sport, la vita sentimentale, tutto sembrava andare a gonfie vele come se voi foste al centro di un vortice positivo, sbalordendo voi stessi, compiendo cose che mai avreste pensato di poter fare, sentendovi invece capaci di raggiungere i vostri obiettivi. Ma, sicuramente, vi sarà anche capitato di sperimentare l'opposto di tutto questo: un periodo più o meno lungo in cui tutto sembrava andarvi storto e in cui avete combinato dei pasticci lì dove difficilmente sbagliavate, oppure un periodo in cui ogni vostro tentativo di riuscire in qualcosa finiva in un nulla di fatto. Entrambi questi periodi si sono sicuramente alternati nelle vite di ciascuno di noi. Si potrebbe quasi affermare che la nostra vita sia un alternarsi di questi periodi buoni e meno buoni. Ma dov'è la differenza? Siamo sempre nel giusto? Quindi dovremmo avere a disposizione sempre le stesse risorse! E come ci spieghiamo che una volta produciamo dei risultati che ci sbalordiscono e un'altra dei risultati desolanti? Eppure siamo sempre noi...

Nel mondo dello sport questo lo si riscontra quando i migliori atleti hanno periodi o giornate in cui vanno alla grande mentre poi arrivano quei momenti in cui non riescono a mettere a segno un punto, a vincere una gara, a fare un goal o a fare un canestro. Perciò ci si deve chiedere qual'è l'elemento che fa la differenza nella nostra vitaEsso va ricercato nella nostramente, cioè nello stato psicologico in cui ci troviamo. Lo stato d'animo è in pratica il nostro stato mentale, che produce in noi delle emozioni che vanno  in due direzioni a seconda appunto della nostra condizione psicologica:

-       quelladella fiducia in se stessi, della gioia, dell'amore, della forza interiore, della fede e dell’estasi, appartengono ad uno stato d'animopositivo che dà accesso al nostro potere personale;

     oppure

-       quello della sfiducia in se stessi, della confusione, della paura, della frustrazione, dell'ansia. che appartengono ad uno stato d'animo negativo che ci paralizza.

Entriamo ed usciamo da questi stati d'animo molto più spesso di quanto crediamo, a volte anche perchè ci lasciamo condizionare da ciò che è esterno a noi, con il risultato di diventare scostanti o scorbutici con le persone che ci sono intorno. Non siamo sempre così ma una brutta giornata può renderci veramente insopportabili! Ciò non vuol dire che siamo cattivi, significa semplicemente che, in quel momento, ci troviamo in uno stato d'animo controproducente... e, se riuscissimo a cambiarlo, cambieremmo anche il nostro comportamento! Quando si capiscono gli stati d'animo, troviamo la chiave per comprendere il cambiamento e così facendo raggiungere l'eccellenza che è dentro di noi.

Ciascun essere umano ha dentro di sè un potenziale infinito di risorse a cui troppo spesso non ha accesso a causa del suo atteggiamento mentale paralizzante. Noi tutti agiamo in base ad esso e, in base a questo, facciamo quello che possiamo per attingere alle nostre risorse interiori anche se, non sempre, il nostro stato d'animo ce lo consente.

Ma vediamo più dettagliatamente in cosa consiste: possiamo dire che uno stato d'animo è  l'insieme di milioni di processi neurologici che hanno continuamente luogo dentro di noi, i quali, per la maggior parte, si verificano senza che ci sia da parte nostra un controllo cosciente. Davanti a qualcosa che vediamo, reagiamo senza controllare una reazione che scatta quasi immediata, mettendoci in un determinato stato d'animo a seconda che essa  sia positiva o negativa.

La differenza tra chi riesce nella vita e chi fallisce, sta nella capacità di gestire il proprio stato d'animo nel modo più positivo possibile, quello cioè che è in grado di generare la forza necessaria per raggiungere i propri obiettivi o per superare un contrattempo di qualsiasi natura si tratti. Vediamo continuamente persone con delle disabilità importanti che non si sono arrese alla loro condizione penalizzante, praticando e riuscendo in qualunque sport avessero a cuore!

Ci sono tantissime persone che sono riuscite a riprendersi, anche brillantemente, dopo un grave crollo finanziario, un matrimonio finito, una perdita importante nella loro vita, e ciò è stato possibile solo grazie al loro stato mentale positivo!

Al contrario, uno stato mentale negativo genera risultati completamente opposti, lasciando le persone all'interno della loro situazione più o meno drammatica.  

Siamo noi che creiamo la fiducia in noi stessi, uno stato d’animo che sposta gli ostacoli facendo largo alle soluzioni e trova la chiave per produrre risultati positivi nella nostra vita. Basta capire come dare delle linee guida alla nostra mente, comprendere cos'è che crea uno stato d'animo, in che modo quindi le nostre rappresentazioni interne, l'uso  e la comprensione della nostra fisiologia agiscono da base per il nostro stato d'animo. Il mio lavoro è principalmente incentrato sull'aiutare le persone a comprendere se stesse, a smantellare molte delle loro false credenze, che minano la fiducia in sé stessi e la propria autostima attraverso un processo lento ma inesorabile verso un cambiamento che renda veramente liberi di vivere al meglio delle proprie potenzialità.

Cambiare il proprio atteggiamento mentale è un passo essenziale verso una crescita personale che produrrà degli effetti tangibili negli ambiti che spaziano da quello lavorativo a quello relazionale, in quanto solo COSTRUENDO un buon rapporto con sè stessi lo si può riportare in tutte le altre situazioni in cui ci troviamo.

                                                                                                                             Rita Zeppa

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to LinkedIn