Un primo passo verso l'Autostima: conoscere il Potere della Mente Positiva

La nostra mente è lo strumento che abbiamo a disposizione per vivere ciò che siamo e questo avviene grazie a tre funzioni principali che la mente opera: pensare – sentire - volere. Noi siamo gli unici ad abitare la nostra mente e il tipo di pensieri che ospitiamo è alla base di una vita serena oppure di una vita infelice. Ci sono molti modi di interpretare qualsiasi esperienza e l'interpetazione a cui noi diamo vita, genera in noi un determinato stato d'animo. La metafora del bicchiere a metà, spiega benissimo come se vederlo mezzo pieno e rallegrarcene o mezzo vuoto e lamentarcene, genererà in noi due stati d'animo al riguardo molto differenti. Purtroppo ho spesso a che fare con persone che tendenzialmente vedonono nella loro vita tanti bicchieri solo "mezzi vuoti" , focalizzandosi solo sulla mancnza di ciò che non hanno o portando la loro attenzione solo su ciò che non va nella loro vita, nel loro corpo, nella loro casa, nel loro lavoro, nella società in cui vivono ecc. ecc.

Ovviamente avere questo atteggiamento mentale è autodistruttivo, in quanto priva chi lo adotta innanzi tutto di godere del "bicchiere mezzo pieno",cioè di tutte quelle cose che invece funzionano nella loro vita, nel loro corpo, nella loro casa, nel loro lavoro, nella società in cui vivono ecc. ecc. In ogni nostro ambito della vita, ci sono moltissime cose che funzionano bene e così per ogni singolo aspetto che ci riguarda. Pretare attenzione al "bicchiere mezzo pieno" significa poter apprezzare le cose che funzionano che già si hanno! Estendendo questo concetto in un ipotetico futuro, la differenza di atteggiamento mentale darà vita a due tipi di aspettative: una basata solo sul "pre-occuparsi" e l'altra all'essere focalizzati solo nel momento presente il più possibile. Colui che in previsione di un evento qualsiasi, dal semplice andare alla posta a pagare le bollette, o uscire per andare al lavoro, o apprestarsi a sostenere un esame ecc. ecc.tende a "preo-occuparsi", andrà ad occupare la sua mente nel momento prsente , con una serie di pensieri in cui si aspetterà di trovare solo intoppi nelle situazioni che ancora NON ha sperimentato, con il risultato appunto di pre-occupare la sua mente con fatti ed eventi che ancora NON sono accaduti, sui quali non solo non ha la facoltà di poter agire in anticipo, ma che in realtà non può neanche prevedere come andranno!! Il isultato finale di questo atteggiamento mentale sarà quindi quello di vivere in costante stato di ansia gnerico, in quanto se ci si è abituati ad aspettarsi solo cose negative, dopo aver creato noi questa abitudine negativa, l'abitudine in seguito creerà noi! Prendiamo l'esmpio di una persona che dovrà sostenere in un futuro più o meno prossimo un esame, o dovrà sostenere un incontro di lavoro: qualora adottasse un atteggiamento mentale negativo al riguardo, comincerà sicuramente a visualizzare l'esito dell'esame o dell'incontro di lavoro nei minimi dettagli ma al negativo. Es: "Domani ho l'esame/ incontro di lavoro, sicuramente arriverò tardi perchè c'è sempre traffico; non mi sento del tutto preparato per sostenere l'esame e sicuramente mi capiterà il professore che tanto detesto; non sono all'altezza del lavoro per cui mi sono proposto e sicuramente chi mi valuterà se ne accorgerà; ecc. ecc. "Secondo voi, in che modo sta "occupando il suo momento presente"? Questo tipo di pensieri, che stato d'animo provocherà? E sopratutto, come credete che affronterà la sua esperienza nelmomento in cui si ritroverà a farla? Lascio a voi la risposta....Prendiamo ora invece in esame un'altro tipo di atteggiamento mentale, quello cioè che adotta una persona che è abituata ad apprezzare il "bicchiere mezzo pieno".

Generalmnte si è adottati la sana abitudine di guardare alle cose positive che si sperimentano e che si hanno e questo aiuta sicuramente a vivere più serenamente la quotidianità rispetto a chi è focalizzato solo sugli aspetti negativi. La persona positiva, non è qualcuno che ignora i vari problemi o mancanze che si ritrova a sperimentare, la persona positiva è colui che guardando ai problemi invece di limitasi a lagnarsene, ne ricerca le soluzioni; è colui che occupa la sua mente nel presente senza pre-occuparsi degli eventi che dovranno accadere in modo negativo. Il suo atteggiamento mentale è abituato ad essere positivo e di conseguenza questa abitudine permea i suoi punti di vista o le sue apsettative riguardo a ciò che dovrà interaprendere. quindi, se dovrà sostenere unesame nel suo prossimo futuro, avrà un treno dipensieri sereno...Non penserà a ciò che potrebbe andare storto, ma penserà a come tutto filerà liscio sin dal primo momento! Ora domandatevi pure in che modo vive il presente questa persona? Qual'è il suo stato d'animo? E come credete che andrà il suo esame o il suo collouio di lavoro? Se pure l'esame o il colloquio di lavoro andassero male, se ne "occuperà" al momento in cui accadrà, guardando a ciò non come ad un fallimento, ma ad una lezione che gli sta insegnando cosa non dovrà fare la volta succevisa, o cosa deve modificare per cambiare l'esito da negativo in positivo! Non starà a piangersi addosso....si rimboccherà le maniche e troverà una nuova strategia migliore della prima! E’ fondamentale costruire all’interno di ciascuno di noi un dialogo interiore scegliendo pensiero dopo pensiero ciò su cui intendiamo focalizzarci riguardo sia a noi stessi che il mondo esterno a noi. Solo in questo modo si potrà avere un dominio sulla propria mente inteso come collaborazione consapevole tra pensieri emozioni ed azioni. Il pensiero positivo è uno strumento potente di riprogrammazione mentale se usato in maniera consapevole e in modo corretto,che aiuta l’accrescimento dell’autostima e a risvegliare ed ottimizzare il nostro enorme potenziale umano.

Il pensiero positivo è alla base non solo di un primo cambiamento interiore, ma anche di un cambiamento che coinvolge tutto ciò che ci circonda. Ci sono moltissime frasi positive che possiamo abituarci ad usare per cambiare la prospettiva in ogni ambito della nostra vita. Creare delle frasi da soli può essere un modo efficace per comprendere se stessi. L’importante è che la ripetizione sia sentita nella mente e nel cuore e solo così si otterrà un cambiamento che con il tempo si espanderà a tutta l’esperienza della nostra vita regalandoci serenità, pace e armonia con noi stessi e con la realtà che ci circonda.Il potere del pensiero è conosciuto sin dai tempi e dalle popolazione più antiche e ci viene tramandato fino ai nostri giorni, regalandoci preziosi insegnamenti a cui purtroppo troppo poco ci appoggiamo per far si che ogni nostro pensiero, che è come un seme, alla fine dia il frutto migliore.
Siamo noi a creare il nostro personale angolo di inferno o paradiso mentre siamo in questa esperienza fisica e lo facciamo seminando i nostri pensieri e dimenticandoci di essere noi i seminatori. C'è da tenere presente in tutto ciò, che ciascun individuo fin dalla sua nascita, viene "condizionato" dalle persone che lo circondano, dalla sua cultura, religione di appartenenza, ad avere delle "credenze e convinzioni" sia su se stesso e sulle sue capacità, sia sul mondo che lo circonda.
Bisogna essere artisti per essere creativi” è un’altra falsa credenza e ce ne sono molte altre. Quella è solo un’espressione della creatività, e ci sono molti altri modi per esprimerla. Mai generalizzare, dovrebbe essere una regola sulla quale basare le nostre convinzioni. Noi siamo creativi in ogni momento ed ambito della nostra vita: dalla più comune ed ordinaria creazione di nuove cellule nel nostro corpo, alle nostre risposte emozionali, al lavoro che svolgiamo, alle nostre relazioni, al nostro conto in banca e ad ogni attitudine che abbiamo nei confronti di noi stessi.

La nostra vita è governata da abitudini. Le nostre abitudini sono governate da noi. Abituatevi a pensare in modo diverso rispetto a voi stessi e vedrete come la qualità di esperienze della vostra vita cambierà.
Come e con che cosa si può iniziare a fare tutto questo?
Dovete abituarvi a pensare a voi stessi in maniera positiva, contrarre cioè "l’abitudine” al vedervi come capaci, creativi, intuitivi, unici e pieni di talenti.
Cominciate nel fare un elenco di tutti gli ambiti in cui vi vedete creativi. Potrebbe essere in cucina, nel rifare il letto, nel guidare, nell’occuparvi del giardino e così via.
Poi fate un elenco di tutti gli ambiti in cui vi vedete incapaci e meno creativi.
Potrebbe sorprendervi notare che entrambi gli elenchi sono stati in qualche modo frutto di cose che altri vi hanno detto appartenervi. Chiedetevi per ogni ambito in cui "non vi vedete come capaci e creativiperché ho questa convinzione? Da dove nasce? E’ davvero vero che sono “negato” per fare questa o quella cosa, oppure ho smesso semplicemente di provarci ancora sempre se mai ci ho provato?”, “ E’ veramente difficile per me imparare?”
Un esercizio utile è, mentre siete in uno stato di rilassamento, visualizzarvi nella vostra mente mentre date vita alla "convinzione negativa” che avete su voi stessi rispetto a qualcosa. Osservate la vostra immagine mentale di voi e cercate di notare la vostra postura, il vostro sguardo, e sentite come ci si sente ad essere nella convinzione negativa, quali sono le emozioni che si provano e soprattutto cercate di percepire se vi piace quello che state sperimentando.
Una volta che avete fatto questo esercizio, annotate su un foglio tutto quello che ricordate di aver provato nel vedervi avvolti dalla vostra convinzione “negativa”.
Poi rifate l’esercizio ma questa volta avendo cambiato quella convinzione “negativa” nel suo esatto contrario. Nuovamente osservatevi in ogni aspetto fisico ed emozionale e come per l’esercizio precedente, cercate di percepire se vi piace quello che state sperimentando.
Quando avete terminato, anche in questo caso annotate sul foglio tutto quello che ricordate di aver provato nel vedervi avvolti in questo caso dalla vostra "convinzione  positiva”.
Sarebbe opportuno dedicare almeno 5 minuti per ogni esercizio.
Dopo aver fatto questo, vorrei che rispondeste a questa domanda: quale delle due potenziali prospettive riguardo voi stessi usereste, potendo ora scegliere, per costruire da ora in avanti la vostra vita?
Noi creiamo ogni istante della nostra vita in base a ciò che pensiamo nel momento presente riguardo a noi stessi.
Vorrei che teneste sempre a mente, che VOI STATE ESPRIMENDO VOI STESSI CREATIVAMENTE IN OGNI MOMENTO DEL GIORNO.
L’unico vero e grande potere è nel momento presente,il “Qui ed Ora” ed è nella vostra mente. Voi potete a partire da questo istante, e non importa quanto negativa sia stata l’esperienza della vostra vita fino ad ora, iniziare a cambiare la vostra vita. Dobbiamo imparare a fermarci e a controllare a cosa stiamo pensando e se il pensiero che abbiamo appena formulato non ci piace, allora lo cambiamo.

Vi elenco ora una serie di “espressioni positive “ riguardo voi , che vi invito a prendere l’ “abitudine” di ripetere a voi stessi molte volte durante il corso della giornata:

- Mi amo e mi accetto così come sono
- La Fonte della Creatività è dentro di me ed io la lascio fluire
- Lascio andare tutte le “ convinzioni” limitanti riguardo a me stesso
- Ho dentro di me tutti gli strumenti necessari per far emergere la mia creatività in ogni ambito della mia vita
- Io e la mia Fonte Creativa siamo sempre in contatto
- Io faccio ogni giorno qualcosa di nuovo e di creativo
- Tutti i miei progetti creativi mi danno soddisfazione
- Io penso con chiarezza e mi esprimo con facilità
- Pensare a me come una persona capace, creativa ed intuitiva mi fa stare bene
- Da oggi ogni volta che penserò a me stesso userò termini “ positivi”
- Amo il mio lavoro perché mi consente di esprimere i miei talenti e le mie capacità.

La ripetizione di queste semplici affermazioni se unita vibrazionalmente alla gioia che ne provate nel vedere, sentire, sperimentare voi stessi in questo nuovo modo,vi porterà a fare INEVITABILMENTE l’esperienza interiore e in seguito esteriore di ciò. Quindi se avete un progetto in questo momento della vostra esistenza che vi stà particolarmente a cuore, o più semplicemente in generale, o anche solo per semplice curiosità perché la vostra vita per voi va già bene così, esercitatevi con queste affermazioni fino a farle diventare una nuova abitudine” nel pensare riguardo a voi.
Il Dott. Walter Coutu scrisse: “E’ l’abitudine e non la ragione a governare la vita della maggior parte della gente” (The Criminal Personality).

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to LinkedIn