Trishakty Yoga: approfondimenti sulla natura della Shakty Pat

In ogni tempo ed in ogni cultura, c'è' sempre stato il desiderio da parte dell'uomo di ricercare Dio e di avvicinarsi al mondo invisibile ed insondabile ai più' che gli appartiene, qualora la ricerca provenga da una dimensione terrena come la nostra. Quindi ogni cultura e religione ha tentato di descriverlo a modo suo, dandogli nomi e volti diversi. Questa volta, nel presentare la Shakty Pat, tecnica che viene usata per avvicinare le persone alla connessione spirituale a seconda della loro consapevolezza, riporto le testuali parole di Abadhuth Acharya Raul Shankh, maestro e guru dell'Odisha (India) che ho avuto il piacere di conoscere e da cui ho ricevuto in dono la Shakty Pat attraverso il Trishakty Yoga.

Un fattore fondamentale che bisogna tenere presente quando ci si avvicina a queste culture cosi' diverse dalla nostra, e' che per loro la spiritualità' e' parte integrante della loro vita sin dalla loro nascita: e' un retaggio culturale che non devono acquisire da adulti come spesso capita a noi occidentali, ma che viene loro insegnato sin da piccoli. Quindi il loro approccio risulta di non semplice comprensione per noi occidentali che invece siamo abituati a vivere quasi sempre in assenza di spiritualità'. Non sto parlando di religione, in quanto per me religione e spiritualità' sono due cose nettamente diverse, preferendo di gran lunga la spiritualità' alle religioni, pur rispettandole tutte nel loro profondo messaggio spirituale. Quindi vi invito a leggere queste parole, tenendo presente che provengono da una figura molto importante per l'India, cosi' come figure importanti in ogni tempo, luogo, religione o credo hanno trasmesso i loro insegnamenti in tutto il mondo. Per dare il giusto senso a queste parole, sarebbe opportuno approfondire alcuni Testi Sacri di questa cultura, come i Veda, le Upanishad o la Bhagavad Gita per entrare un po' in quella che si potrebbe definire la "mappa del territorio" di questa splendida ed antichissima cultura che mi ha sempre affascinata.

Noterete che sono menzionati termini come "guru", "maestri'',  termini che purtroppo sono stati usati per etichettare molti personaggi ambigui o impostori a tal punto che appena li sentiamo menzionare, almeno a me si accende un campanello di allarme. In questo caso, posso dire di aver conosciuto una persona, nella veste di Abhadhut Acharya Raul Sankh, di una elevata spiritualità' ed onesta' nell'aprirmi al Trishakti Yoga, nel totale rispetto delle mie credenze e convinzioni e sopratutto in modo del tutto gratuito, lasciandomi molto sorpresa visto invece certe cifre che circolano  qui in occidente per prendere ad esempio i livelli Reiki, per non parlare del Master. Trovo doveroso da parte mia specificare queste cose in quanto, la trasmissione della Shakty Pat non viene effettuata a scopo di lucro, ed e' per questo che ho nel cuore queste persone. Di conseguenza anche io per i trattamenti con la Shakty Pat uso lo stesso metodo, cioe' un'offerta libera per chi si sente di voler contraccambiare, cosi' come io mi sono sentita di fare a mia volta. Lo stesso dicasi per quanto mi riguarda per i trattamenti Reiki. La semplicità dell'esposizione di questa spiegazione, denota come si dia per scontato che chi legge conosca certi concetti base a cui si fa riferimento, come ai Chakra e al loro funzionamento. Per chi non fosse addentrato in queste tematiche, può leggere qualche articolo che ho messo sempre in questa sezione (Meditazione, Reiki e Shakty Pat) o contattarmi privatamente al fine di avere una maggiore comprensione sul funzionamento della Shakty Pat, in quanto concordo in pieno con Raul Sank quando sottolinea che "...a causa della mancanza di una corretta pronuncia e della conoscenza del Mantra, si è visto che i praticanti moderni sono spesso lontani dal risultato", ed io aggiungo anche alla scarsa conoscenza di se stessi....Buona lettura.

  

 Di Abadhuth Acharya Rahul Sankh

TRISHAKTI YOGA (Triyog)
(Prima parte)

Addya Shakti (energia primaria) è quella che esiste in tutto l'universo, come narrato nel Veda (Sacre Scritture) ed è la Brahma Shakti (energia assoluta) . Come la luce del fuoco non è separata dal fuoco, di conseguenza l’energia assoluta non è separata dall’ Assoluto. Questa Energia Assoluta risiede nella forma di energia vitale nell’essere umano. Il Sole che fornisce l'energia vitale attraverso la sua Luce divina, è l'anima di tutti gli esseri viventi di questo universo. Per lo sviluppo di tutti gli esseri viventi tra cui piante, ortaggi e arbusti in tutte le maniere, il Sole ha un ruolo fondamentale in questo universo. Il Sole non è limitato solo a illuminare l'universo, è l'energia e la fonte dell'energia dell'universo.

Originariamente Triyog è la combinazione di tre forme di energia cioè: Para-Shakti, Shiva-Shakti e Surya-Shakti (sole ) .

Ci sono otto punti in un corpo umano per il risveglio e la realizzazione dell'energia spirituale che è indirizzata nei Chakra e nella linguaggio degli Yogi . Nella pratica dello Yoga (Meditazione), la realizzazione degli otto chakra ha un importanza specifica e distinta. La realizzazione di questi chakra e’ molto difficile in questa epoca di Kali Yuga e quasi nessuna persona ha più il tempo di camminare su questo sentiero spirituale specifico. Quindi per il benessere degli esseri umani di questo mondo, alcuni santi dell' Himalaya hanno scoperto un po di questa antica e segreta arte della meditazione per trasmettere l'energia spirituale che è conosciuta come Triyog. Ora non vi è alcuna necessità di concentrarsi negli otto chakra per la meditazione. Si può risvegliare l’energia concentrandosi su un punto particolare che è il Punto Trishakti vicino al perineo. Qualsiasi persona può risvegliare il Trishakty in dieci minuti in modo da rendersi capace da solo di risvegliare l'energia spirituale, questo con l'aiuto e l’insegnamento di un Guru che io Abadhut Acharya Rahul Sankh ho formato ed è in connesione diretta con me.

TRISHAKTI YOGA (Triyog)
(Seconda parte)

Triyog e’ funzionalizzato a tenere gli otto chakra in un unico punto nel corpo umano. Concentrandosi con la meditazione sul punto Trishakti Triyog questo accade. Il sistema respiratorio è gestito dalla natura in un modo estremamente scientifico nella struttura del corpo umano. Questa arte di conoscenza è limitata ai santi che praticano la meditazione e che hanno delle realizzazioni molto profonde. In un primo momento il punto dove si trova l’ombelico ottiene la pulsazione del Surya Chakra e poi a livello dei sensi si scontra con il cuore e con la sua pulsazione. Dal cuore ai polmoni aiuta a purificare il sangue per il corretto funzionamento. È l'attività naturale del respiro. Quando il respiro è unito con la determinazione della mente e della coscienza interiore, allora tale combinazione costituisce una forza vitale per il Sé interiore di un essere umano .

Questa pratica regolare rende la mente e il respiro più forte e potente. Quando i sensi sono dipendenti dal piacere materiale, creano un atto di danneggiamento all'energia vitale, indebolendo la mente e il corpo, che puo’ portare ad uno stato di rovina dell'essere umano. Al contrario se la mente è motivata, separata dai sensi legati al piacere materiale come il tatto, parola, ecc. e indirizzata verso la coscienza all’interno del corpo allora tale mente acquisisce un potere illimitato e un energia che fornisce la capacità di effettuare azioni soprannaturali. In generale, l'energia dell’ aria libera e non compressa è di minore forza, ma quando si riempie un pallone e poi si libera l'aria, la potenza si manifesta. Allo stesso modo la mente diventa piena di pura coscienza interiore, positiva e determinata e prende la forma dell' energia spirituale. Questo sistema mostra un netto cambiamento sia di vita materiale che spirituale di un cercatore (sadhak). Triyog risiede ad 1cm e mezzo sotto il punto di Navi (ombelico)-Surya Chakra. L'origine del respiro è appena sopra il Triyog. E' anche il centro di trasmissione e diffusione della coscienza.

TRISHAKTI YOGA (Triyog)
(Terza parte)

Per il benessere di tutti gli esseri umani, con la grande compassione degli Yogi Himalayani, io Rahul Sankh posso essere in grado di risvegliare questo punto Triyog, l'arte segreta della meditazione che era nascosta fino ad ora. Generalmente questo centro si trova in uno stato dormiente in un uomo comune, per cui non è né a conoscenza, né è in grado di realizzare i suoi benefici e il tutto era relegato alla conoscenza solo degli Yogi. La meditazione sul Triyog ha più energia della Kundalini Shakti. La meditazione Triyog Shakti trasmette un'energia immediata dentro di voi e sentirete un certo potere spirituale che vi pervade per poi espandersi in Energia Spirituale Divina.
Insegnamenti di Trishakti Yoga (Triyog) vengono dati regolarmente dalla mia fondazione ai miei discepoli con speciali mantra.

TRISHAKTI YOGA (Triyog)
(Quarta parte)

Triyog si basa su l'elemento principale del Fuoco. Per risvegliare la Triyog Shakti, meditate sul colore giallo della Triyog Shakti. In realtà rosso, giallo, verde, blu, viola e bianco sono collegate nella luce del sole. Stimolando con il respiro i tessuti del cervello e della mente unita alla coscienza avviene una vibrazione nella parte spirituale. Come quando la batteria è scarica, usiamo per ricaricarla un caricabatterie collegato tramite una presa alla rete elettrica o a un generatore per ripristinare la sua potenza, allo stesso modo l'energia vitale va a collegarsi al punto Triyog e dopo tale processo è possibile raccogliere l'energia necessaria dal sole e al momento del bisogno poterla utilizzare durante la meditazione recitando particolari mantra  che rendono il punto Triyog piu potente. Ma a causa della mancanza di una corretta pronuncia e della poca conoscenza del Mantra, si è visto che i praticanti moderni sono spesso lontani dal risultato. Per avere un buon effetto nella meditazione si dovrebbero seguire certe norme con la fede e l'affetto della pratica regolare.

Jay Mahakal.

Abadhut Acharya Rahul Sankh.

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to LinkedIn