ARCANGELO ZADKIEL

IL SETTIMO RAGGIO DI LUCE

ZADKIEL

Gerarchia divina: Quarto Attributo, Ordine Cerimoniale. Aspetto Divino: Trasmutazione - Purificazione - misericordia. Arcangelo reggente: Arcangelo Zadkiel, "Favore di Dio". Braccio destro dell'Arcangelo Mikael, è il Signore del Sacro Fuoco Violetto della purificazione, e del miracolo alchemico del Cuore.

Protettore degli umani in Terra con missioni della Fratellanza Bianca Universale. Governa il ritmo. Sovrintende a tutte le conoscenze di alta magia ed esoteriche. Detentore della Misericordia.

Maestro Asceso: Saint Germain

Colore del raggio: Viola. Pianeta: Terra. Metallo: piombo. Vibrazione musicale: SOL. Minerali in risonanza: ametista, fluorite viola. Essenza aromatiche: violetta, ylang-ylang, lavanda

Abuso senza Amore: apprendimento deviato e illegittimo della magia, con gravissime conseguenze sui corpi spirituali. Apprendimento distorto delle conoscenze mistiche spirituali. Esaltazione dell'Ego e manie di onnipotenza.

 

 

Come opera:

Nell'alta sfera della fiamma violetta, svolge il suo servizio l'Arcangelo Zadkiel, braccio destro dell'immenso San Michele, insieme alle schiere della luce, che si sono poste al servizio di questa forza purificatrice, per dissolvere e trasformare, ciò che non risponde alle leggi del principio cosmico universale.

Nelle sfere luminose, regna sempre un'operosa attività, rivolta all'unico autentico ordine divino, difeso, protetto e sostenuto, dalla forza della fiamma violetta.
Qui ha sede l'emanazione benedetta, che contiene in sé la benedizione e le grazie divine, messe a nostra disposizione per espiare l'antica colpa, le trasgressioni alle leggi della vita, tutte negazioni del principio fondamentale dell'Universo: l'Amore.

La fiamma violetta sostituisce queste pesanti emozioni con energie luminose, che posseggono la grazia del perdono, della purificazione e della completa cancellazione.
Compresa nell'azione della Luce violetta, è anche la liberazione dalle ombre antiche, che nascondono in sé le forze negatrici della vita, estirpandole, per consentire più ampio accesso alla pace.

In questo, riconosciamo la grande grazia del perdono, così come la trasformazione di idee distruttive, nemiche della luce, in nuove prospettive più vitalie spiritualizzate.
Nella spiritualizzazione di un processo negativo, nei confronti delle leggi del cosmo, si individua anche un ulteriore significato: esso consiste nel fatto che, una purificazione a livello spirituale, è da considerarsi come una specie di rinascita che porta con sé nuovi sereni presagi e condizioni, cosa che prima non sarebbe stata possibile.

Il significato più profondo è che, attraverso tale processo, la sostanza karmica, può essere spiritualizzata e quindi liberata. In pratica, la Luce della fiamma Viola, se invocata, se lasciata agire con il personale impegno, produce nel tempo la cancellazione del karma.
Il significato profondo della fiamma violetta, sta nella sua straordinaria forza di purificazione e di trasformazione, che viene qui raffigurata quale grazia divina.

 

Ci possiamo avvicinare sempre più ad essa, quando sentiamo il desiderio di liberare la nostra vita da un impedimento che la trattiene come zavorra, appesantendola e tirandola verso il basso, anziché verso l'alto, incontro alla luce.

Possiamo ricorrere al paragone del navigatore di una mongolfiera, che si libra nell'aria alleggerendosi sempre più di peso, quanto più in alto vuole salire. Lo stesso accade anche a noi se decidiamo davvero di metterci sulla via, alla ricerca della luce, in modo da voler organizzare il nostro viaggio nel modo più opportuno.
Nel segno della fiamma violetta, ci è possibile trasformare in luce avvenimenti che ci opprimono, dissolvendoli, per poter poi, una volta liberati, salire più in alto sul nostro sentiero predestinato.

La parola "predestinato" necessita di una spiegazionepiù precisa, che consiste nel riconoscimento del vero significato del libero arbitrio e del disegno divino meravigliosamente irradiato, cui tutti dobbiamo comprendere e realizzare, per compiere la sua benevola Volontà, respirando a pieni polmoni il cielo della Creazione.

I due concetti di "libero arbitrio" e "disegno divino", sembrano a prima vista essere contrastanti. Ad una osservazione più attenta però, riconosciamo chiaramente la mano ordinatrice di un Creatore benevolo che, in perfetta giustizia, si serve di un sistema, per cui ciascuno può trovare le condizioni adatte a costruire e procedere o a fallire, conformemente all' energia liberata all'origine di un'azione.

Tale energia, è scaturita e si è manifestata a partire dal libero arbitrio e le viene concessa una purificazione e una liberazione, a patto che ci si pieghi umilmente, davanti alla divina provvidenza.
Cosi facendo si invertono i poli dell'energia negativa, grazie all'immane forza della fiamma violetta.
In primo luogo, per la nostra esistenza, scaturisce la forza della conoscenza, che consiste nel rispettare le condizioni offerte dal destino, come volute da Dio.

Questa è la necessaria premessa, per poter riordinare e chiarire qualcosa a cui non avremmo potuto avvicinarci, se non attraverso questa disposizione del destino.

Il destino è il sostegno maestro per recuperare la conoscenza perduta, e pertanto dovrebbe essere considerato come una incredibile benedizione.
In tal senso si chiarisce l'atteggiamento spirituale, che chiamiamo "umiltà", e che esprime ciò che si intende per accettazione consapevole del progetto di Dio, il quale si preoccupa con straordinaria chiarezza, Verità e ordine, di compensare e ripristinare, ciò che necessita di una chiarificazione.

Possiamo così finalmente staccarci e disincagliarci da quanto un tempo ci sembrava indispensabile, rendendoci schiavi del disagio, riempiendolo di illusioni tali da simulare la felicità.
Nel processo di purificazione, l'anima trova infinita forza e grande impulso, poiché essa si vede liberata da tutti i pesi, e conquista nuove possibilità per il suo progresso spirituale.

 

 

Nel grande sistema dell'ordine cosmico, è previsto di potersi liberare dei carichi inutili, si aspira consapevolmente a intraprendere una purificazione liberatrice. Il colore violetto della luce cosmica primordiale, è la fonte divina nella quale riflettersi per purificarsi e procedere nel realizzarsi perfettamente. Un'esistenza nel segno della luce, è sempre anche umile accettazione di situazioni determinate dal destino.

Esse possono investire gli ambiti più diversi, che non sempre hanno necessariamente a che fare con il dolore, il bisogno, o la privazione, ma anche con una felicità insperata, o con un "caso" favorevole. Infatti un caso favorevole può rappresentare una pietra di paragone e un incoraggiamento e perciò deve essere accolto con cura e attenzione particolari.

Nell'entusiasmo di un momento di felicità si è, infatti, molto più in grado di cogliere la serietà che dietro ad destino può celarsi. Ci sia permesso perciò ancora una volta ribadire, che qualsiasi tipo di "caso", sia esso favorevole e di buon augurio, oppure indesiderato e legato a delusioni, va sempre considerato come qualcosa che proviene dall'evento cosmico, in cui ordine e giustizia divina della bontà, agiscono in perfetto accordo.

L'aver guadagnato un tale atteggiamento di fronte agli avvenimenti determinati dal destino, comporta sempre anche un grande sollievo e arricchimento di fronte agli imprevisti che aspettano una persona,  che non possono essere ben compresi quando i sentimenti del momento, schiacciano le forze spirituali, impedendo le riflessioni oggettive che altrimenti l'intelletto sarebbe in grado di elaborare con serenità.

Il richiamo è pertanto di grande rilevanza, perché spiega come negli avvenimenti quotidiani, sia essenziale prendere una posizione di giusto equilibrio, tra le manifestazioni della ragione e quelle del sentimento.
Così, non perdiamo il controllo quando nella vita accade qualcosa di imprevisto e mantenendo l'equilibrio interiore, teniamo ben saldi i remi senza esporci alla deriva nella barca della vita che, nell'infuriare dei sentimenti, potrebbe perdere la rotta.

Nell'accettazione di una circostanza di vita, si identificano l'umiltà e la consapevolezza della guida divina, che si esprime in tutto ciò che incontriamo e con cui ci confrontiamo, creando qualcosa che corrisponda allo scopo della nostra vita. Nel corso di un'esistenza terrena, ci si imbatte spesso in situazioni cariche di tensione e di sconcerto, assolutamente necessarie, perché contengono quel dinamismo, senza il quale non sarebbe possibile il progresso.

 

Momenti di entusiasmo e di sconforto, si alternano per portare nell'esistenza un dinamismo che corrisponde al ritmo dei moti dell'anima e che incoraggia, con ritmo parallelo, a effettuare una svolta nelle situazioni della vita. Infatti ogni evento, presentandosi con una sua dominante maggiore o minore, va affrontate a seconda delle circostanze. Le oscillazioni dell'umore, significano sempre che qualcosa si è messo in moto e che vorrebbe trasformarsi per rispondere alle nuove esigenze dell'Anima.

In ciò consiste anche il valore nel superamento positivo e sempre possibile, delle emozioni negative, con la propria Volontà, facendone scaturire quel senso di liberazione come forma di melodie armoniose.
I colori della luce, sono infatti in stretto contatto con le strutture del suono: da ciò si comprende che sia i colori, sia i suoni, si ripercuotono sul sistema fisico-spirituale, per trasformarlo in vista del perfezionamento dell'anima.

Per comprendere meglio, supponiamo che qualcuno dipinga un quadro, ponendo particolare attenzione all'uso di colori affinchè si accordino al meglio con l'ambiente cui l'opera è destinata. L'ambiente cromatico influenza la combinazione dei colori del quadro e li rafforza, esprimendosi sotto forma di elementi vibranti (oscillatori). Questi elementi, uniscono in sé sia i colori del quadro, che quelli del luogo. Così essi crescono, fino a diventare una frequenza di energia e armonie, che vibrano con una intensità molto superiore rispetto a prima, quando quadro e spazio non potevano interagire.

Ci troviamo ora davanti ad un campo di energia oscillante, che unisce in sé una grande quantità di frequenze e quindi si estende per occupare una superficie più grande. Questo spazio sollecitato, si estende ora ad altre gamme d'onda, entrando pertanto in un livello diverso, superiore e accordato più finemente di quello originario.
Le strutture cromatiche cariche di vibrazioni, essendo il loro potenziale di energia rafforzato, si raffinano in misura crescente. In questo modo la loro frequenza aumenta e si estende raggiungendo infine, un livello nel quale risiedono le strutture del suono.

Queste entrano ora in contatto con le potenze cromatiche ad elevata frequenza, unendosi ad esse conformemente all'irradiazione esercitata da suoni e colori.
Si manifesta così, una forza d'attrazione che ha a che fare con il magnetismo e che svolge un ruolo importante nell'atmosfera, poiché essa costituisce la forza di attrazione dell'universo e rappresenta il potenziale coesivo di estensione e totalità.

 

Vediamo qui l'impressionante ordine di grandezza che sostiene e include noi uomini, in quanto rappresentiamo un'immortalità e siamo, pertanto, una parte della grandezza e del tutto. Tornando al nostro paragone della risonanza tra i colori di un dipinto e quelli dell'ambiente, vogliamo ricordare ancora una volta, che esiste un rapporto immediato tra le energie liberatrici e l'eco che ne risulta, e che si esprime in oscillazioni di tonalità, corrispondenti al potenziale originario.

In sintesi potremmo dire che, quando ci sforziamo di creare un sottofondo ai nostri stati d'animo, con variazioni di colore, si determina un aumento di armonia che si libra nelle sfere superiori e attrae  ciò che gli corrisponde, fondendosi con esso. Ne deriva una melodia cosmica di armonici timbri cromatici che si apre la strada, attraverso il nostro corpo etereo fin nei centri d'energia del nostro corpo fisico organico.

Nel corpo fisico si consolida e si manifesta anche attraverso la sfera del quotidiano, in rapporto col relativo colore di cui si ha bisogno, attivando e moltiplicando salute,  benessere e gioia di vivere. Quanto descritto sono i principi fondamentali della "Magia" intesa come modo per entrare intimamente in contatto con il Cuore e con Dio. Sono anche i principi sui quali si basano i luoghi alchemici, quali santuari, templi, e luoghi sacri.

Ecco adesso l'ordine inverso: una persona si sente di cattivo umore, depressa e sofferente e fornisce a tale condizione ulteriori energie negative, rafforzandola con parole e azioni pessimistiche e distruttive.
Della stessa natura, sono anche bramosie e abitudini con cui si cerca di stordirsi in determinate situazioni per non doverle affrontare direttamente.
Ma qui subentra un'ulteriore aggravante: quella dell'abbandono della responsabilità personale, che spesso è alla base di un tale comportamento.

In un evento di questo genere, si addensano le energie oscure che scendono verso il basso, seguendo la forza di gravità. Qui si uniscono ad analoghe formazioni di energia e producono insieme ad esse, autentiche disarmoniche dissonanze, che fanno sentire la mancanza della luce.
Inoltre queste formazioni di energia, che corrispondono alla forza di attrazione del mittente, si ripercuotono su di lui, e ne rafforzano lo stato d'animo negativo.
Qui si manifesta nuovamente la forza della luce e l'indescrivibile aiuto delle vibrazioni colorate.

Possiamo ben immaginare che cosa significhi per noi, trasformare con la nostra volontà, e la forza soccorritrice della fiamma violetta, uno stato nel quale non ci sentiamo bene e in letizia, in modelli di vibrazioni pieni di luce, pace e speranza: questi trovano nello spazio cosmico un ulteriore rafforzamento della loro tonalità, quindi, ancor più affinati, ricadono e penetrano nella nostra sfera organica ed elementare, dove noi riceviamo e custodiamo questo messaggio ultraterreno.

Possiamo ottenere così, ancora più forza, gioia e distacco dai legami del karma, cosa che si ripercuote beneficamente sullo sviluppo della nostra anima e sulle vibrazioni di luce che essa, in tale condizione, accoglie sempre più in sé spiritualizzandole.
Ognuno, a suo modo, affronta la conoscenza di queste cose e decide come ottenere quelle cognizioni che gli servono per riempire di luminose energie la propria esistenza, realizzando con i giusti tempi, i progetti della propria anima.

 

E' una chiara indicazione, ma anche un benevolo invito ad andare concretamente a fondo negli accadimenti, senza attaccarvisi. Andare a fondo ha un significato di toccarne l'essenza e quindi può essere realizzato sempre e solo con saggezza, riflessione e leggerezza di emozioni.

Si ottengono quindi cognizioni tali, da scoprire ciò che sta dietro agli eventi e quali suggerimenti vi siano contenuti. Quindi vogliamo sottolineare ancora una volta che è decisivo, per ogni singola persona, il giudizio disinteressato che si fa di una situazione che la riguarda, e quali conclusioni ne trae in rapporto alla propria esistenza.

Abbiamo già detto, che niente accade senza un motivo ed un significato profondi, e che non possiamo esercitare risonanza alcuna su quelle cose con cui non abbiamo alcuna attinenza.
Per cui è certo che bisogna riflettere bene su tutto ciò che si cela dietro un avvenimento, e quale opportunità vi sia per noi di fare chiarezza su un sentiero che ci guida verso il nostro vero "Essere"  e quindi verso la sede della nostra anima.

Là si trova raccolto e affastellato tutto quello che è stato acquisito nel corso di molteplici incarnazioni; per questo è necessario che, chi è alla ricerca di un sostegno che gli consenta di riscoprire la sua essenza, contenitore sacro e cristallino della Verità, faccia ritorno a questa sorgente.

Ma c'è ancora qualcos'altro di essenziale che non va trascurato: l'intenzione chiara e decisa da parte di una personalità che, nell'intimo, aspiri ardentemente alla luce e voglia rafforzarla dentro di sé.
Si tratta di esprimere chiaramente il proprio libero arbitrio che, desiderando comprendere e rettificare ciò che riguarda la conoscenza del proprio io, ha imposto la propria libera volontà, affinchè il proprio essere venga esplorato e saldamente ancorato alla verità.

Questo modo di procedere è essenziale in relazione al nostro sviluppo, poiché esso conduce a una visuale sempre più ampia ed elevata sulla vita, e su ciò che ad un uomo viene richiesto per assolvere pienamente al significato della propria esistenza.

 

La riflessione mette in evidenza un doppio vantaggio: ci riferiamo al fatto che, volgendo lo sguardo dentro di noi, al nostro nucleo esistenziale, il nocciolo del frutto, scopriamo una fonte della verità e della chiarezza, col cui sostegno potremo rischiarare e superare meglio tutte le situazioni che minacciano il nostro equilibrio.

Infatti, avremo a disposizione l'impulso e l'aiuto di un animo forte e maturo che abita dentro di noi e che si è assicurato un posto fuori dallo spazio e dal tempo, fatto su misura affinchè possa maturare, attingendo dal Cuore di Dio, facendo esperienze e acquisendo conoscenze.
L'anima rappresenta un potenziale spirituale di frequenze energetiche, che si espandono conformemente alla loro tipologia e che emettono invisibili impulsi liberatori, i quali, trasposti in ambito terreno, ci soccorrono sostenendoci e rafforzandoci.

Noi uomini siamo animati da una frequenza di energia scaturita e sviluppatasi durante un periodo di tempo lunghissimo; pertanto abbiamo immagazzinato ed espresso energiedi luce con le quali corrispondere. Nel corso di questi numerosi periodi di crescita, l'anima si è sempre più spiritualizzata, cioè si è arricchita di forze spirituali, che ne rappresentano il patrimonio.
Essa conserva queste ricchezze in eterno, in quanto si tratta del profitto di Amore e Verità che ha via via realizzato.

Nel corso di un indefinito numero di reincarnazioni, l'Anima ha edificato un involucro materiale che le serve per portare a compimento un ulteriore gradino del suo perfezionamento, e che ora le dovrebbe dare la possibilità di progredire per crescere e alleggerirsi ulteriolmente.
Si tratta di un obiettivo sempre presente, che essa desidera conseguire in virtù di un impulso interiore.

L'incarnazione terrena, che corrisponde alla materia, è dunque un involucro per la forza spirituale, che portando in sé la divina luce della vita eterna, desidera volgersi nuovamente ad essa, tornando all'essenza della propria origine.
L'anima testimonia il vero valore e l'eterno significato di un uomo che è qui sulla terra, per ritrovare la propria origine attraverso un processo di crescita e infine svincolarsi dal ciclo delle reincarnazioni, poiché si è varcata la soglia della verità, gioia e canto di Dio.

In proporzione alla forza spirituale e alla luce presente in ogni cosa, quello che abbiamo esposto significa per tutti noi, anche una eventuale riqualificazione e riallineamento dei nostri valori di vita, ai quali spetta una posizione di preminenza.
Grazie all'acquisto e all'accumulo di energie di luce ,la scala ascendente della propria purificazione, continuerà a segnare arricchimenti. Questa luce tuttavia, potrà essere ottenuta solamente attraverso l'esercizio delle virtù divine, e il rispetto della vita e delle sue leggi.

 

Sembrerebbe cosa facile, invece si tratta di una trasformazione difficile, in quanto occorre costituire un livello di luminosità e leggerezza, destreggiandosi su un terreno il cui fondamento è quello denso della materia, e quindi diametralmente opposto al mondo dello spirito.

È un vero paradosso che presenta un'insanabile contraddizione, ed è troppo complicato da trattare se cerchiamo di comprenderlo da un punto di vista puramente analitico-razionale; ci troviamo infatti di fronte a due piani contrapposti, che apparentemente non sono conciliabili tra di loro, e allo stesso tempo sono immediatamente connessicome le due parti di un tutto.
Questa condizione illustra all'Anima, l'integrazione di un processo di natura spirituale che serve a ripristinare l'unità dell'essere, nella sua grandezza e totalità.

E' quello a cui tende la parte spirituale di noi (la nostra anima). Ma non può essere raggiunto nell'ambito di una situazione terrena, perché sono cose che appartengono ad un altro livello e per le quali, non è possibile fornire alcuna spiegazione del raziocinio.
Ecco che molte volte, ci si abbandona ad insensate controversie tra il nudo intelletto, e la fiducia spirituale (fede), che invece scaturisce da un'intima fonte.

Fiducia che dev'essere abbastanza forte da poter condurre un bene spirituale ad una forma comprensibile nelle forme di vita terrena.
Inevitabilmente, tra gli uomini troviamo tante forme di fede e tante differenti opinioni; abbiamo a che fare con anime di indole molto diversa, che avendo raggiunto diversi stadi della loro esperienza, hanno più o meno difficoltà nel comprendere e condividere qualcosa, riconoscendone attraverso il Cuore, la validità.

Quanto esposto, chiarisce perché una persona si apra subito senza riserva su alcune circostanze, mentre di fronte ad altre ponga delle riserve, o addirittura un rifiuto. In questo si cela evidentemente il linguaggio dell'anima, che ci fa capire molto chiaramente, che cosa è conforme al suo stadio di sviluppo.

Quando ci troviamo di fronte alle diverse situazioni, è necessario far riferimento al nucleo del nostro essere (l'anima), affidandole il discernimento e contemporaneamente anche la relativa responsabilità.
Essa possiede la forza e la potenza della conoscenza, per emettere una sentenza e orientare di conseguenza la forma dell'aiuto, che le si rivela attraverso l'intima voce del cuore. Da non confondere questa virtù dell'Anima, con le sentenze emesse dall'ego.

E' decisivo non elevare alcuna barriera nel proprio spirito e mettere a tacere la logica analitica, che potrebbe produrre un travisamento della comunicazione originaria, o addirittura censurarla.
Diventa essenziale, mobilitare costantemente le proprie intime forze e inoltrarci nella stanza del tesoro, sotto la guida dello spirito e della luce, per ricuperare le ricchezze che giacciono in fondo all'anima, disposibili con ogni abbondanza se, divenuti consapevoli di questo percorso, lo affrontiamo.

Ci è stato spiegato che dipende da noi, decidere se ascoltare e seguire questa comunicazione molto potente e sottile, o se dobbiamo desistere perché essa non suscita in noi alcuna eco (risonanza, vibrazione).
La cosa principale non è se questo debba succedere subito, oppure se sia necessaria un'ulteriore fase di conoscenza per stabilire una risonanza nella dimensione spirituale, bensì capire la grande potenza della luce e la forza delle energie colorate che ne derivano.

Esse sono a disposizione se noi, in accordo con la nostra anima, siamo disposti a utilizzare questa offerta soprannaturale, nella giustizia e bontà, a nostro vantaggio e delle creature viventi.
È legittimo non volersi impegnare in qualcosa in cui non ci riconosciamo, ma sarebbe un errore fatale, non farla perché non le si attribuisce, pur avendone la conoscenza, l'importanza che merita, trascurandola quindi e lasciandola improduttiva.

 

Quindi, quando ci viene offerta un'opportunità, che suscita un'eco nel nostro intimo, dovremmo sempre essere pronti e pensare di dedicarci ad essa, con un atto di volontà per integrarla a beneficio del nostro essere, e per fare un progresso che ci può condurre nelle più alte dimensioni, dove dominano altre condizioni, rispetto a quelle della situazione attuale.

Si tratta certamente di una vittoria importantissima, se vi abbiamo posto il nostro impegno e amore. Essere pervenuti nelle regioni in cui è possibile trovare aiuti spirituali e una guida benefica a cui affidarci spensierati, fiduciosi e riconoscenti, cosicché la nostra esistenza terrena, grazie a questo sostegno, divenga ricca di contenutodi vitalità.

In questo modo potremo volgere lo sguardo sui misteri della vita, alimentati internamente da una copiosa fonte di energia, che costituisce la ricompensa per tutti quelli che hanno voluto innalzarsi con la forza della propria anima, dalla terra, alle regioni del Sole spirituale.
Potremo portare a compimento, tramite quel sostegno, il nostro viaggio più velocemente e con più sicurezza, essendo scortati da schiere di Angeli, protettori e sostenitori della pace che da voi può divenire e nutrire.

Nella luce della fiamma violetta, arde il limpido splendore della libertà, del perdono, della liberazione dalle colpe karmiche, e dalle catene di legami che esercitano un influsso sfavorevole alla possibilità di proseguire nel segno della luce.
Vi si trova l'incommensurabile grazia Divina, che scende verso di noi e ci da la possibilità di poter arrivare, liberi e consapevoli,  alle altezze in cui domina la vera vita, e dove le tenebre non hanno alcun potere.

È quindi nostro destino l'essere - uno, con le forze divine che, come splendide formazioni, aleggiano intorno all'anima, per conferirle il suo vero aspetto, conforme a quanto essa ha conseguito.
Ora, è molto più facile capire perché sia importante attraversare la nostra vita, avvolti in un manto di luce e ben protetti e sostenuti, guadagnare una posizione sempre più benevola, possibile soltanto compiendo la scelta interiore di dirigerci con tutta la nostra Anima, per comprendere il significato degli avvenimenti personali.

Qui sta il vero significato di queste parole, che vogliono essere un segnale di luce, proveniente dalle alte sfere angeliche, per essere accolto e compreso.
Un messaggio, per dissolvere più velocemente l'oscurità e per abbreviare i dolori e le sofferenze a cui l'umanità, si trova esposta per la sua insipienza.

E' molto difficile, voltando le spalle a Dio-Amore, percepire la luce che sta dietro tutte le cose e riconoscere il vero aspetto splendente dell'anima, quando, fasciata in un abito terreno, dovrebbe compiere la sua risalita e placare la sua infinita nostalgia della casa dalle infinite dimore del Signore Dio-Amore.
In queste righe, c'è anche un invito a considerare tutto ciò che è stato esposto come assolutamente valido, anche se un'anima non è ancora in grado di capirlo.

 

L'invito è inoltre, quello di non lasciar svanire inascoltata l'intima voce del proprio cuore, e ad obbedire al suo impulso iniziale. Questa voce, ora avverte i legami con un campo di energia che in questo stesso momento in cui state leggendo intimamente, è soggetto a un poderoso incremento, e che conquisterà sempre più stabilità ed intensità delle proprie vibrazioni.

Ne consegue una generalizzata inversione di polarità dei campi di energia elementari e quindi, anche un cambiamento dei modelli di pensiero e di sentimento ad essa strettamente connessi.
Una volta dunque assorbita questa sollecitazione, avviene una generale ristrutturazione dei campi di energia, attraverso cui sentimenti e pensieri, subiscono forte influsso e forte illuminazione angelica.

Vogliamo ancora una volta richiamare con insistenza, l'attenzione sulla fiamma viola, poiché essa rappresenta la forza luminosa della purificazione.
Con la sua energia, fa scorrere una potenza che tutto penetra, libera e purifica; essa rende testimonianza che Dio nel suo amore, bontà e benevolenza, ci ha destinato un aiuto tangibile, comprensibile e concreto, col quale possiamo riordinare, nobilitare e portare a compimento la nostra esistenza terrena.

L'Arcangelo Zadkiel, a fianco del suo stupefacente Fratello San Michele, dal cerchio della luce viola, si prende cura di noi con amore e pazienza infiniti nel momento in cui desideriamo liberarci e allontanarci da limitazioni terrene, da dolori e preoccupazioni.
Ci propone e offre, nel segno della luce, un riassetto di carattere illuminante, ai fini della purificazione e della liberazione.

Potremo così sbarazzarci di pesi inutili, di errori e sensi di colpa, e raggiungere sfere più alte, ove ci saremo avvicinati di un ulteriore passo a Dio Padre Onnipotente.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to LinkedIn