La Sincronicità: evoluzione personale tra coincidenza e volontà

  

Per avere l'esatto concetto, che sta alla base del significato reale della parola Sincronicità, bisogna fare una distinzione fondamentale tra ciò che comunemente si pensa di essa, e ciò che invece realmente è. La Sincronicità è il meccanismo con cui la Forza Creatrice da noi chiamata DIOlavora. E' la linfa che anima la creazione all'interno della quale noi, come esseri umani, ne sperimentiamo ciò che chiamiamo realtà individuale. Siamo tutti partecipi di questo meccanismo; lo usiamo perché la sua linfa è anche in ogni nostra cellula. In natura, in ogni forma e specie di vita che ci circonda, ci sono alla base dell'esistenza gli stessi elementi: idrogeno, azoto, ossigeno e carbonio, che formano il nostro DNAQuesto lo si può definire come un marchio o Codice Divino ed è anche il nostro. A questo punto forse il pensiero che tutti noi siamo connessi l'un l'altro ed anche connessi alla terra che è vita di per se stessa, potrebbe apparirci più logico ed accettabile. Così potremmo definire questo come l'Eterno in noi, e questo significa che tutta l'umanità è come una sola famiglia unita da un retaggio comune e che è anche il risultato intenzionale di creazione, conservato dentro ogni cellula di ogni abitante della terra. Le particelle elementari della nostra esistenza sono formate da questa linfa. Noi siamo fatti l'uno dell'altro. Così, la Sincronicità è attiva in tutta la vita. Ma com'è che si traduce in vita quotidiana tutto ciò?

Bé, noi creiamo la nostra realtà con ciò che pensiamo, e ciò che pensiamo si tramuta in realtà. L'Energia della Sincronicità prende forma fisica trasformando qualunque potenziale non osservato in avvenimento decaduto in quanto immaginato. E' importante anche sapere che nella creazione nessuno può comunque influenzare qualcun altro se questo non lo vuole. Si potrebbe facilmente credere che ciò che facciamo con la nostra energia personale possa influenzare in qualche modo per farci ottenere qualcosa, ma non è così. Non possiamo, in piena integrità, influenzare la vita di qualcun altro con la nostra creazione. Noi, quando co - creiamo per noi stessi, prestiamo nel circostante un'energia, ed in base alla qualità di quella energia, attiriamo a noi ciò che vibra allo stesso livello di energia. 

 

Se un essere umano vibra a livelli bassi e disarmonici, l'energia che lo circonda darà quelle informazioni al circostante che attirerà ciò di cui sostanzialmente quella persona è fatta. Ad esempio, per gran parte della mia esistenza, ho emanato un'energia disarmonica che lavorava dentro di me manifestandosi come tristezza, malinconia, paura dell'abbandono, bassa autostima e altro ancora, e puntualmente mi capitavano situazioni o relazioni analoghe ai miei pensieri. Ma ho anche notato che questo accadeva anche quando l'energia al mio interno si manifestava con la gioia e le cose belle che pensavo 

Quando ero serena attiravo esperienze serene. Ovviamente allora non mi rendevo conto di questo; pensavo "bene, questo è un buon momento della mia vita”, oppure “accidenti, questo è proprio un momento no!”. Credevo che per vivere bastasse cercare di rispondere agli eventi più o meno belli della vita alla meno-peggio. Ma qualcosa dentro di me nei “momenti no” si ripeteva “ma perché proprio a me?”. Ero così furibonda l'ultima volta che un evento doloroso si è presentato nella mia vita, che appena mi sono ripresa dalla faseospedaliera”, (cioè quando si soffre senza reagire) giurai a me stessa che avrei trovato tutte le risposte sul perché capitano certe cose, fosse stata l'ultima cosa della mia vita. 

Così un giorno, una forza mi spinse ad andare in libreria. Andai senza sapere neanche che libro avrei preso, e mi chiedevo cosa ci andassi a fare in libreria in quel momento. Ma ci andai. Uscii da li con il mio primo libro di una lunga serie che mi parlava di maestri invisibili. Non sapevo un gran che in materia, ne di meditazioni, ne del pensiero positivo o di esoterismo ne di filosofie orientali. La porta che si aprì dinanzi a me era questa. Continuavo a comprare libri che di volta in volta contenevano al loro interno le risposte ad ogni mia domanda, fatta in precedenza e frutto di introspezione. All'inizio quello che imparai non fu facile, dovevo prendermi io tutta la responsabilità di ciò che mi era accaduto, ma per fortuna lo feci. Così guardandomi indietro mi accorsi che ogni evento della mia vita era stato veramente preceduto da un pensiero, un emozione a cui senza saperlo avevo prestato la mia energia tramite i pensieri, e come questo mi venisse restituito nella realtà. Da allora ho imparato molto sulla Sincronicità e su come agisce nella vita,perché so che mi proviene l'informazione che darà una forma tangibile a quell'energia che si manifesterà nella realtà e che noi chiamiamo “le coincidenze della vita”. Nulla succede per caso è il mio pane quotidiano.

 

Userò l'esempio dell'angelo del parcheggio per spiegare come la Sincronicità lavora. Mettiamo caso che noi fossimo all'interno della nostra auto e che stessimo cercando un parcheggio. Così , potremmo dire “caro angelo del parcheggio, non so come farai, ma trovami uno spazio qui”, ed ecco che una vettura fa retromarcia e va via, e noi ci parcheggiamo lì. Molti credono che mentre si era in macchina e si arrivava all'isolato, l'energia dell'isolato cambia e in qualche modo, una persona che se ne stava in un negozio a far acquisti, se ne allontani, e grazie all'angelo del parcheggio si infila nella sua auto e se ne va. Confuso si rende conto che in realtà non aveva mai avuto l'intenzione di andarsene ma lo ha fatto ugualmente. Così noi abbiamo il nostro parcheggio. Questo significherebbe influenzare qualcuno , e non è così che funziona. Il nostro arrivo corrisponde alla partenza di qualcun altro, così ciò che il nostro angelo del parcheggio deve fare è quello di allineare la Sincronicità della danza. E' come arrivare al momento giusto, l'auto se ne va e noi parcheggiamo. Ecco, l'essere sempre al posto giusto al momento giusto nella propria vita equivale ad aver imparato ad usare correttamente il meccanismo della Sincronicità. Si può anche definire Sincrodestino, come ho riscontrato nel corso del dott. Conforto dal titolo Trasformazione Quantistica”. L'esempio, anche se vero perché io lo uso e funziona ogni volta che lo uso, era per far capire cosa significa Sincronicità ad un altro livello di espressione. Gli eventi della nostra vita, sono sottoposti a questa danza, così qualunque persona, situazione o luogo faccia parte della nostra realtà, è esattamente allineato alla nostra energia. 

Imparare a conoscere le qualità della propria energia, equivale anche a saperle poi modificare a seconda di ciò che invece vorremmo sperimentare. La quantità dell'energia è sempre la stessa, ma si tramuta in un altro tipo e con essa anche la nostra realtà tramite nuove coincidenze, nuovi fatti, circostanze ed eventi. E' come dire “Chiedi e ti sarà dato” Noi chiediamo continuamente e neanche lo sappiamo. Sapere che chiedendo ci verrà dato, ci stimola a perfezionare la nostra energia, non più sui limiti impostoci da lungo tempo come umanità, ma come co-creatori di una realtà che oltre a noi può coinvolgere la terra.

E' come una moltiplicazione di energia d'amore che da noi si irradia intorno e ci attira amore. Lo diciamo ai nostri pensieri ed essi lo trasmettono all'energia del circostante trasformandola in modo che gli eventi che verranno saranno eventi portatori di amore nella nostra vita, in tantissime forme.Se moltiplichiamo questo per tutti gli abitanti della terra, bé, il nostro pianeta e la sua Umanità, sarebbero molto diverse; a voi immaginare come.co- creare senza restrizioni significa non temere l'amore di DIONon temere ciò significa lasciare che la danza della Sincronicità possa svolgersi nel miglior modo per noi in sincronicità con altre persone, cose tempi ed eventi.

Questo implica anche il dover ammettere che l'Universo ha una sua propria intelligenza . La si definisce anche intelligenza quantica. L’umanità non può né costruire un Universo né una stella, di conseguenza vi deve essere una potenza che regna sopra l’umanità e che si occupa della costruzione dell’universo. Questa costruzione immensa di cui anche noi facciamo parte, viene chiamata dall’umanità terrestre “Forza della Natura”. Però sopra la Forza regna una Natura, perché altrimenti non vi potrebbe essere un ordine sensato. Accanto alla Forza costruttiva esiste una Forza contraria che tende alla distruzione ed alla disorganizzazione. Anche essa viene diretta da una Intelligenza. La costruzione inimmaginabile dell’Universo può avvenire giustificata solo in quanto riconosciuta ed apprezzata da esseri intelligenti e per la sua grandezza l’Universo non può venir riconosciuto da un ‘unica umanità, altrimenti sarebbe superflua la incommensurabile sovrabbondanza della Creazione Universale. Non vi sarebbe scopo che vi esistessero tante stelle e pianeti.

L’Universo esiste e può essere visto da ogni uomo durante la vita terrena ed anche dall’aldilà e non è un caos, ma dimostra un ordine. Ciò che per noi è caos, è in realtà l’insieme di tutti i potenziali della vita contemporaneamente. C’è un preciso linguaggio tra noi e l’Universo: il linguaggio delle emozioni, delle vibrazioni. Noi siamo energia, lUniverso è energia ed il tutto manifestato nella nostra realtà in maniera separata. Quando noi abbiamo un desiderio, stiamo creando. La parte più grande di noi, (il nostro Sé SuperioreScintilla Divina ecc. ) che è pura Energia diviene il desiderio realizzato ed inevitabilmente se saremo bravi a non lasciarci prendere da ansie e paure riguardo alla sua manifestazione, lUniverso ce lo donerà. E’ una Legge, quella dell’Attrazione. Siamo come calamite che attirano i potenziali di realtà che sono tutti presenti nello stesso momento nel campo quantico. Siamo la parte manifesta dello Spirito  che non è materiale. Se l’essere umano riesce a connettersi con lo Spirito, si ha l’Uomo Cosmico. E tutto questo avviene ed è come quando si preme l'interruttore della corrente e si illumina la stanza. 

Non sappiamo neanche come sia arrivata lì la luce, non conosciamo le caratteristiche della lampadina o la fisica dei fotoni, ma ci aspettiamo la luce. Adottare lo stesso principio di fiducia estendendola all'Intelligenza dell'Universo e rimanere partecipi del processo che si attua, è vedere l'Interdimensionalità dell'Intelligenza Quantica. Lì, nello stato quantico tutte le cose presenti sanno tutto l'una dell'altra e tendono ad equilibrarsi. L'infinita connessione è l'opposto di una infinita separazione e creano una unità di base che è solo una Coscienza Universale. La Sincronicità è la linfa di questa coscienza che costantemente abbiamo a nostra disposizione.

Lasciarsi vivere così è molto bello. E' personale come esperienza e non condivisibile in quanto è solo con le nostre orecchie che possiamo ascoltare, e non con quelle di qualcun altro, e viceversa. Bisogna fare attenzione a ciò che si desidera, perché ciò cambierà la vita di ciascuno di noi. Un esempio di questo è quando si decide di studiare gli aspetti energetici di numeri che ci circondano e quindi li sommiamo e la somma da sempre lo stesso numero, bè si rimane sorpresi da questa coincidenza. Il numero Uno in Numerologia è un nuovo inizio. La prima Legge Cosmica afferma che non si può tornare indietro una volta che un processo di “Illuminazione” è cominciatoE' molto importante anche saper interpretare i messaggi all'interno di una coincidenza manifestata.

Un esempio di ciò e stato quando, dopo aver letto per 15 anni svariati libri che trattavano la Scienza dello Spirito, mi sono chiesta “e adesso? Come posso utilizzare tutto ciò non solo per me stessa?”. Ecco che un giorno, mentre trafficavo su internet alla ricerca di un qualche corso da fare, vengo in contatto con un corso per me utilissimo presso un centro di ricerche olistico. Comincio a leggere gli innumerevoli corsi che si svolgono al suo interno e trovo la possibilità di iscrivermi all'Accademia Opera. Così se oggi mi trovo qui a scrivere questo articolo e ad operareanche in questo settore, è anche perché ho colto e seguito il segnale all'interno della coincidenza, in risposta alle mie domande, risposta che mi è giunta per opera della Sincronicità e per mezzo delle coincidenze. 

In ognuno di noi c’è una Divinità profonda, ma la cosa non è intuitiva. Stà li e ci sollecita, come è accaduto a me e questa presenza credo che ci basti per farci scoprire la spiritualit. Sta li e ci spinge a cercare Dio in qualche forma e questo grazie alla Sincronicità si realizza. Ma ancora la verità di chi noi siamo rimane nascosta. Questa è la seconda Legge Cosmica. Non è intuitivo che noi siamo Dio e che all’interno del nostro Dna ci sono tutti questi doni. E’ una bellissima Legge Cosmica, che ci trattiene in un luogo dove, se siamo veramente intenzionati a cercare il divino, lo troveremo, ma bisogna veramentevolerlo”. Non può essere per caso, in questo modo non ci sarebbe risposta.

Questo spiega perché alcuni iniziano uno studio o hanno aperto un libro ed hanno detto “bè proviamo questo, oppure facciamo quello” e non è successo nulla. Questa è una partecipazione superficiale, come vedo in alcune persone che iniziano con me un certo percorso ed all’inizio sembrano entusiaste, ma poi davanti alle prime difficoltà mollano e dicono “ questo non funziona per me, può funzionare per qualcun altro, ma non per me”. Bisogna invece cercare noi stessi uno strumento per cambiare noi stessi! Bisogna saper vedere le opportunità che l’universo ci dona all’interno della nostra vita e bisogna anche aver deciso di aprire il proprio cuore.

Non a caso si dice “Pace in terra agli uomini di buona volontà”. .Un altro fattore importante è la Volontà. La Volontà è ciò che permette la giusta sequenza della danza sincronica. E' importante che sia una volontà libera da condizionamenti ed equilibrata, al fine di rendere la co-creazione il più possibile benefica non solo per noi stessi verso cui abbiamo il primo dovere, ma anche per gli altri, in quanto tutti co-creatori di una coscienza più ampia, quella umana. E' stato messo in evidenza a suo tempo anche dallo studioso occidentale nonché psicologo di fama mondiale Carl G. Jung, come l'inconscio collettivo agisca anche nell'inconscio di ogni persona. Ma cosa significa,avere una volontà libera? Ogni istante della nostra realtà è possibile solo grazie alla nostra volontà di riconfermare il momento presente. L'osservazione che fa Jung, nel suo saggioLa natura della psiche”, è quella che l'energia psichica e quella fisica, sono aspetti diversi di una stessa cosa. L'energia che si manifesta quantitativamente, contiene un aspetto qualitativo, così come l'energia che si manifesta qualitativamente contiene un aspetto quantitativo. Noi viviamo una sequenza di momenti presenti come in una pellicola, e la nostra volontà, che ha un potere grandioso, è ciò che usiamo affinchè ogni giorno la nostra realtà sia possibile.

Ma vediamolo nella quotidianità: uscire ogni mattina e per anni ed anni riconfermare ciò che crediamo di trovare, come il traffico, la fila alla posta, i disagi economici, un lavoro che non ci pace, una relazione insoddisfacente, un corpo che non ci piace, lo stress, i notiziari pieni di atrocità..... per fare questo usiamo l'energia della volontà, e ce ne vuole di volontà per fare questo per così tanti anni! Ora, sapendo che tutti noi siamo co-creatori, o meglio compartecipi della creazione e non solo osservatori di una realtà esterna a noi e su cui non abbiamo nessun potere, immaginiamo cosa accadrebbe alla nostra vita se usassimo la volontà per visualizzare ogni giorno nella nostra mente una realtà diversa per noi. Indipendentemente da ciò che fino ad oggi abbiamo attirato nella nostra vita, riuscire ad avere una volontà talmente potente, per credere e crearne un'altra Ci vuole la stessa volontà che usiamo di solito, quello che sarebbe diverso è la sua qualità. Se cambiamo una nostra convinzione, accettandone un'altra al suo posto, anche l'esperienza cambia. Un esempio: cambiare la convinzione che tanto ogni mattina ci sarà il traffico ad attenderci. Sembra semplice vero?

Sapete quanta buona volontà occorre per fare questo? Provatelo e misurerete la qualità della vostra volontà! Qualcuno disse che verrà dato agli uomini di buona volontà il regno dei cieli....Sapete regalarvi una realtà dove invece del traffico, dell'ansia, della paura, dello sconforto, dell'amarezza, della solitudine, della disperazione della malattia ci sia pace, abbondanza, amore, guarigione, salute?

Se usate la vostra volontà per tenere in piedi nella vostra mente per voi una realtà con queste qualità, indipendentemente da quello che invece è oggi la qualità della vostra realtà, la Sincronicità si aggancerà ad un altro scenario, e vi procurerà gli eventi per quella esperienza. Per fare questo possiamo solo attivare la volontà ed il suo potere. Chi smette di fumare dall'oggi al domani, usa la volontà. Chi si prefigge un obiettivo e ci arriva, usa la volontà La volontà è come un carburante per la macchina, e anche noi sotto un certo punto di vista fisico lo siamo. Come credete che le guarigioni sia spontanee che non, si concretizzino all’interno del corpo umano di un malato? Ciò che la persona crede che accadrà, sarà. Quanti placebo somministrati come farmaci potenti hanno indotto guarigioni? Quante persone hanno ricevuto miracoli?

Perchè ci sono persone che muoiono di cancro ed altre no anche se curate con lo stesso farmaco? Non c'è nessun Dio esterno a noi, c'è solo un Dio assopito dentro di noi che crede di essere impotente, e si ammala, e soffre, e si sente solo, perchè noi non ci accorgiamo di Lui. Ci hanno indotto a credere che è fuori di noi, quindi abbiamo questa credenza dentro di noi. Lui è dentro di noi, e ci dà tutto ciò che chiediamo. Una frase di un'antica preghiera indiana dice: “Spirito, dammi la forza per camminare tra le cose belle” …

Se lo facessimo nella nostra mente ogni giorno fino a farlo diventare un pensiero comune, come credete che sarebbe la qualità della realtà? Osservate quello che rispondete e constatate ciò in cui credete. Ciò in cui noi crediamo viene trasmesso fuori di noi e dentro di noi. E questo lo vive anche ogni nostra cellula che o si ammala oppure no. Le cellule del nostro corpo comunicano con il cervello che comunica con il nostro cuore, ed il nostro cuore ci fa vivere le emozioni che noi a nostra volta espandiamo intorno a noi con i nostri pensieri i quali influenzano l'energia intorno a noi che lo comunica all'Universo. La Terra fa parte del nostro Universo, e noi del suo, quindi ci influenziamo, perchè il nostro cuore pulsa in sintonia con il cuore della terra e la qualità dei nostri sentimenti influenza la terra. Guardate cosa avete nella vostra realtà che non va e cambiatelo e usate la volontà per farlo.

Produciamo volontà, ce l'abbiamo, non si vede, non si tocca, non si annusa ma tutti noi sappiamo che c'è. Quanto ci piace da 1 a 10 produrre volontà per accollarsi la responsabilità che tutto quello che c'è nella nostra vita lo abbiamo creato noi? Molte persone davanti a questo decidono di non vedere e non sentire e continuano ad attrarre sofferenza. Ci vuole la volontà sia per continuare ad attrarre la sofferenza che l'amore. La Sincronicità ci darà quello che crediamo sia vero Non c'è un ”non vero” ma solo molte verità, una per ciascuno di noi, che si incontrano strada facendo nel percorso della vita, tutta la nostra vita, che non è solo quella terrena ma quella immortale che ci accompagna di volta in volta nell'esperienza terrena. Vederci da questa prospettiva cambia tutto. E' un po' come riscrivere la storia dell'umanità cercando di evidenziarne le qualità migliori che sono dentro di noi, dentro il nostro DNA, la Scintilla Divina che risiede al nostro interno. Basta attivarla ed essa crea una danza sincronica con le sue qualità. Spero di aver esposto i miei pensieri nella maniera più semplice pur trattando un argomento che di semplice ha ben poco se si tiene conto di tutte le altre implicazioni che la Sincronicità comporta. Una cosa fondamentale che tengo a sottolineare è questa, non credete nelle cose, sperimentate se sono vere. Qualunque cosa voi decidiate di prendere per vera non ritenetela tale solo perchè l'ha detto qualcuno o perchè la maggioranza crede che sia vera!

Fate che sia la vostra verità perchè seriamente ci avete provato usando la volontà per cambiare ciò che non funziona in voi e nella vostra realtà. L'unica differenza se lo farete oppure no, la farà nella vostra vita. E' questo il dono del libero arbitrio, e nessuno ci giudica per come lo usiamo se non noi stessi e la realtà di conseguenza. Argomenti come il libero arbitrio, o la reincarnazione, o il destino hanno a che fare con la Sincronicità. Fa tutto parte di un disegno più grande, di cui noi non siamo creatori, ma compartecipi. Attingiamo come Umanità alle credenze che ci sono state tramandate. Ma chi ci assicura che ciò che è giunto sino a noi non sia stato preso, manipolato per farci vivere nell'ignoranza di chi siamo? Se mai nella vostra vita vi può accadere che casualmente voi veniate a contatto con queste informazioni, non giratevi dall'altra parte. Le avete attirate nella vostra realtà, magari inconsapevolmente, ma è da voi che provengono. Il destino di ciascuno di noi non è stato già scritto. Siamo noi a scriverlo, con le nostre credenze, i nostri pregiudizi , le nostre convinzioni. Vi siete mai chiesti al perchè credete in ciò in cui credete? Magari vi è stato insegnato, tramandato ed anche vissuto. Da piccoli vi ripetevano di non saltare dalla sedia altrimenti sareste caduti e vi sareste fatti male, suppongo che anche se in modi diversi ognuno di noi abbia sperimentato se ciò fosse vero oppure no, seguito dal classico ”te lo avevo detto che ti facevi male!!”.  

Quand'è che abbiamo smesso di sperimentare se ciò che ci dicevano era vero e lo prendevamo per nostra verità perchè vissuta, e su cosa invece abbiamo continuato a non credere essere vero e perchè? Questa risposta contiene tutte le ipotesi, una per ciascuno di noi. Potranno essere diverse, contrastanti tra loro, ma tutte vere. Ognuno di noi porta con se un grande bagaglio fatto di esperienze , convinzioni, emozioni, sentimenti. Ne avevo così tante che non mi appartenevano più o che non mi sono mai appartenute veramente, che quando me ne sono accorta non riuscivo a crederci... però poi ci si sente più leggeri. Un buon strumento per cambiare le nostre convinzioni che troppo speso ci limitano dandoci di conseguenza una realtà di limitazioni l’ho trovato nella PNL. L’ho sperimentata su di me da autodidatta per poi decidere di studiarla approfonditamente tanto da avere la volontà di seguire il corso di tre anni con i docenti Attilio Maria Scarponi e Adriano Bilardi (con i quali in seguito è tata fondata l'associazione culturale Wonderful Life) sempre all’interno di Accademia Opera come corso base, e poi come corso esperienziale vero e proprio.  

Ho scelto di seguire l’opportunità che mi veniva messa davanti, ed attingo alla volontà di portarlo a termine. Quindi attenzione a ciò che credete sia vero. Quale credete sarà il vostro futuro? Se continuate a credere in ciò in cui avete creduto sino ad oggi il vostro futuro non sarà molto diverso dal vostro presente e dal vostro passato. E questo significa riconfermare una realtà come quella che avete proprio ora. Qualunque cosa sia presente nella vostra realtà è perfetta per ognuno di voi perchè proviene da voi. Quindi non c'è un destino già scritto. Siamo noi a scriverlo e questo è un aspetto della meccanica dell’incarnazione. Un aspetto di vita o ruota dell’Esperienza di vita sulla terra. Ciò che impariamo in una espressione si trasferisce nella successiva vita. Significa che ciò che impariamo adesso, in questa vita, non dovremmo reimpararlo quando torneremo di nuovo. Tutte le nostre esperienze apprese rimangono nel Registro Akascico, come un vaso che contiene tutto ciò che si è appreso, colmo degli aspetti della nostra vita. Ogni Incarnazione ha tutte le cose che abbiamo imparato e metaforicamente esse sono in quel vaso. Se si decide di aprire quel vaso spirituale di saggezza, fuoriesce tutto il lavoro che si è fatto nei secoli. Tutte le cose che abbiamo imparato fin dall’inizio del nostro viaggio sulla terra. Questo spiega come mai persone che non hanno mai fatto una pratica spirituale abbiano una profonda saggezza. Spiega perchè la nuova coscienza dei bambini porta con se alla loro nascita sulla terra un vaso pieno a metà. Quando il vaso è aperto, anche dal bambino più piccolo fuoriescono profonde idee che provengono dall’altro lato del velo.

La nostra conoscenza spirituale è come il manto di Dio. Quando esprimiamo la pura intenzione avviene una’altra cosa molto profonda. Diamo il permesso al Cosmo di risistemare le cose intorno a noi, di qualunque natura esse siano. Diamo il permesso al cambiamento. Nelle mie ore più buie ho chiamato mentre ero nel bisogno e le cose non andavano bene per niente. E’ in questo momento che l’umano vince Dio. Io ho dato il permesso di cambiare la mia vita e per fortuna ero pronta ai cambiamenti, veramente pronta! Non è un “pasticcio esoterico”! E’la vita che cambia!! La Legge Cosmica di cui parlo è che quando decidiamo di entrare nell’arena, diamo il permesso ad un cambiamento di vita e chiediamo a Dio ciò di cui abbiamo bisogno di sapere. E’ il modo in cui funziona. La buona notizia è che tutti i cambiamenti che ho iniziato nella mia vita in modo appropriato mi hanno portato crescita e gioia e pace e serenità. Dio non trova piacere in situazioni dannose nel non amare o creare malattia o dolore. Non è questo che fa lo Spirito e vi invito a diffidare di chiunque affermi il contrario. Si avranno ancora contrasti questo si, ma si benedicono perché si comprende la loro importanza nella nostra vita. L’acciaio affila l’acciaio

I contrasti ci servono per vedere ciò che non voliamo e proiettare ciò che vogliamo. Mai rimanere intrappolati nel contrasto! La legge dell’attrazione è letterale. Se ci soffermiamo su ciò che non vogliamo rafforziamo solo il contrato. Bisogna focalizzare l’attenzione su ciò che si vuole a dispetto della realtà che stiamo manifestando in quel preciso momento. Bisogna passare per la macina a volte per essere modellati in quella meravigliosa forma angelica che si chiede di divenire. Questa è la quinta Legge Cosmica e numerologicamente parlando è l’energia del cambiamento. Questo ed altro ancora è ciò che la Sincronicità, o Sincrodestino mi portato a conoscere. 

La mia evoluzione personale tra coincidenza e volontà ha fatto della mia vita qualcosa di magico, dove tutto è possibile, riavvicinandomi a figure come il Cristo, il Buddha e Dio in un modo meraviglioso, innamorandomi della loro essenza e riconoscendola con la dovuta fatica in ogni essere umano. Non è facile vivere cercando di vedere anche nelle persone che più abbiamo detestato, il Dio in loro. Più difficile ancora è vederlo nei propri occhi senza sentirsi arroganti o blasfemi. Ma in cambio, se si riesce anche solo un po’ a fare questo, si avrà amore gioia abbondanza, prosperità oltre a momenti di magica estasi che non possono essere descritti con le parole. 

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to LinkedIn